domenica 21 dicembre 2014

Un tuffo in... Italia - Natale a Gubbio

Paolo da Arezzo ci ha mandato una foto davvero bellissima: questo è l’albero di Natale di Gubbio che è considerato l’albero di Natale più alto del mondo (è entrato nel Guinness dei Primati nel 1991).
Si tratta in effetti di una serie di luci disseminate lungo le pendici del Monte Ingino, sotto il quale si trova la splendida città medievale di Gubbio.
Ecco i numeri di questo incredibile lavoro:

·     650 metri l’altezza dell’albero;
·       350 metri la larghezza;
·     260 luci per disegnare la sagoma dell’albero + 270 luci all’interno dell’albero;
·     200 luci per disegnare la stella;
·     8.500 metri di cavi elettrici per i collegamenti fra le luci;
·     1.900 le ore di lavoro necessarie per montare l’albero.

L’albero di Gubbio venne realizzato per la prima volta nel 1980.
Da allora ogni anno viene acceso la sera del 7 dicembre e resta illuminato fino alla sera del 6 gennaio, l’Epifania, dalle 19:00 a mezzanotte.

Foto di Roberto Donna


venerdì 12 dicembre 2014

Un tuffo in... Italia - Natale a Verona



UN TUFFO IN… ITALIA – NATALE a VERONA

Verona, città patrimonio dell'UNESCO e da sempre punto di incontro per cultura e tradizioni, si trasforma e si veste di luci, suoni e colori del Natale.

Fino al 28 Dicembre 2014, Piazza dei Signori (conosciuta anche come Piazza Dante) ospita per il sesto anno consecutivo, le caratteristiche casette in legno con circa 60 espositori che propongono prodotti tipici tradizionali artigianali come addobbi in vetro, legno e ceramica, tante idee regalo nonché specialità gastronomiche e deliziosi dolci natalizi.



Visitare il Mercatino di Natale di Verona significa "tuffarsi" nella magica tradizione del Natale Veronese; immergersi quindi in un'atmosfera fiabesca, dove Giulietta e Romeo, in questa città dell'Amore, possono baciarsi sotto il vischio tenuto dalla mano ferma della statua di Dante.



Altro appuntamento di alto valore artistico: dal 29 novembre 2014 al 25 gennaio 2015 avrà luogo la 31a Rassegna Internazionale del Presepio nell'Arte e nella Tradizione. Nella suggestiva cornice dell'Arena sarà infatti possibile ammirare i numerosi presepi che arrivano da ogni parte del mondo.
La mostra ospita circa 400 esemplari, provenienti sia dai più importanti musei internazionali che da collezioni private. L'allestimento è realizzato con suggestivi effetti speciali che permettono di dare il giusto rilievo ai singoli pezzi, presentati qui in assenza del loro contesto originario.


 
La Stella Cometa che nasce dall'Arena è il simbolo della manifestazione. Verona offre il suo anfiteatro alla Rassegna Internazionale del Presepio con la convinzione che l'impegno degli organizzatori, la passione dei ricercatori e la disponibilità di quanti hanno sostenuto l'iniziativa, porteranno come ogni anno un contributo di richiamo per e su Verona.

La Rassegna rimarrà aperta tutti i giorni, compresi i festivi, con orario continuato dalle 9.00 alle 20.00.

Prenotazioni e visite guidate: Associazione Guide Ippogrifo 045 8278959
info@infoverona.it
Informazioni e segreteria organizzativa Rassegna Presepi: 045 592544    info@veronaperlarena.it


Un tuffo a... Mosca, San Pietroburgo, Novosibirsk


L'ITALIANO IN CLASSE:   
ecco alcune espressioni e frasi utili per il linguaggio in classe.

Итальянский язык в классе: вот некоторые фразы и выражения, которые могут понадобится во время  урока.

Traduzione in russo a cura di Alyona Krasnikova
Перевод на русский Красниковой Алены

Come chiedere spiegazioni\ как попросить пояснения

- Non ho capito.        я не понял(а)                 
- Può ripetere, per favore?       повторите, пожалуйста                              

- Può parlare più lentamente?       могли бы Вы говорить помедленнее?            
- Che cosa significa ................?      что значит……………..?                           

- Come si dice “……”  in italiano?  как сказать по-итальянски…………”       
           
- Come si pronuncia (scrive) questa parola? Как произносится (пишется)  это слово?           

-È giusto? - È sbagliato?     правильно? – не правильно?            
                       
Come chiedere qualcosa/ как попросить что-нибудь

- Scusi, posso fare una domanda? извините, можно мне задать вопрос/спросить?                            
- Posso aprire la finestra? Можно мне открыть окно?                
                                  
- Può aiutarmi? Можете мне помочь?       

Come chiedere o esprimere un'opinione/ как выразить или узнать мнение

- Mi piace …    мне нравится                       
                       
- Le piace (formale) Вам нравится (на Вы)…?
- Ti piace (informale)   тебе нравится (на ты)…..?        

- Sono d'accordo.    я согласен (согласна)    - Non sono d'accordo.  я не согласен (согласна)            
                       
Come scusarsi o chiamare qualcuno

- Mi dispiace molto.  я очень сожалею                              

- Scusi (formale), .....                        простите/извините (на Вы)…….  
- Scusa (informale),.....                     прости/извини (на ты)……             



martedì 9 dicembre 2014

Tutti a tavola! 7


TUTTI A TAVOLA:
l’ENO-GASTRONOMIA per imparare, con gusto, la lingua e cultura italiana!



Viva gli spaghetti!
Gli spaghetti sono sicuramente la pasta più famosa del mondo: gli italiani e i cinesi si contendono il diritto di dichiararsi inventori degli spaghetti.


Si dice infatti che Marco Polo portò dalla Cina l’idea di questa pasta lunga e sottile, realizzata a mano con una tecnica semplice, ma raffinata. Altri sostengono invece che gli spaghetti erano già prodotti in Italia, e che proprio per la differenza del sistema di preparazione si deve pensare che le due creazioni siano nate indipendentemente.








Ecco alcune 2 ricette fra le più famose per condire gli spaghetti:

Spaghetti all’amatriciana
Ingredienti per 6 persone:
600 gr. di spaghetti
150 gr. di pancetta
1 barattolo di pomodori pelati
alcuni cucchiai di olio d’oliva
1 cipolla
formaggio pecorino grattugiato
peperoncino (quanto basta)
sale q.b.

Preparazione:
Fate soffriggere nell’olio la pancetta tagliata a pezzetti insieme alla cipolla tritata e ad un po’ di peperoncino se vi piace il gusto piccante.
Appena rosolato il tutto, aggiungete i pomodori tagliati e salate. Fate cuocere il sugo così preparato per 5 o 6 minuti.
Fate cuocere gli spaghetti in abbondante acqua salata , scolateli e conditeli con la salsa preparata e il pecorino grattugiato.

Spaghetti alla carbonara
Ingredienti per 6 persone:
600 gr. di spaghetti
150 gr. di pancetta
5 uova
1 confezione di panna liquida
alcuni cucchiai di olio
pepe q.b.
sale q.b.

Preparazione:
Fate rosolare nell’olio la pancetta tagliata a quadretti. In una ciotola sbattete i rossi delle uova con un po’ di sale e pepe.
Versate gli spaghetti scolati ma non troppo asciutti nel tegame della pancetta, aggiungete la panna e le uova e mescolate velocemente.
Servite subito.


Un po’ di vocabolario
-                 TRITARE = tagliare in pezzi molto piccoli la carne o le verdure, con speciali macchine o a mano con un coltello su un tagliere di legno: esiste una lama particolare, detta mezzaluna, usata per questa operazione.
-                 ROSOLARE = fare cuocere a fuoco piuttosto basso, in modo che la carne o la verdura si cuocia senza bruciarsi.
-              SBATTERE = MESCOLARE con forza = mettere insieme uno o più ingredienti in modo uniforme, per ottenere una crema o una pasta omogenea nella forma e nel sapore.
-               IMBIONDIRE = cuocere a fuoco lento, di solito un tritato di cipolla o altre verdure che prendono così un colore biondo.
-                Q.B.= quanto basta = quantità di sale, pepe o altre spezie non ben definita, da dosare secondo il gusto e la necessità.

Ora tocca a te!
Dopo il nome di ogni recipiente scrivi uno o più possibili alimenti:

UN BARATTOLO DI ………………………………………………………………………….
UNA SCATOLA DI ……………………………………………………………………………
UNA SCATOLETTA DI ………………………………………………………………………
UN PACCO DI …………………………………………………………………………………
UN PACCHETTO DI …………………………………………………………………………
UNA CONFEZIONE DI ……………………………………………………………………..
UN PIATTO DI ……………………………………………………………………………….
UNA TAZZA DI ……………………………………………………………………………….
UNA TAZZINA DI …………………………………………………………………………….
UN TUBETTO DI ……………………………………………………………………………..
UNA BOTTIGLIA DI …………………………………………………………………………
UN BICCHIERE DI …………………………………………………………………………..
UN BOCCALE DI ……………………………………………………………………………