lunedì 13 ottobre 2014

Note di grammatica 1

Note di grammatica
(per gli insegnanti e gli studenti autodidatti)

UN TUFFO NELL’AZZURRO
nuovo corso di lingua e cultura italiana

PRIMA  LEZIONE: Primo  giorno  di scuola

VERBO ESSERE  (pagina 16)

In italiano il verbo ESSERE si esprime sempre (a differenza di alcune lingue come il russo), non può mai essere sottinteso.
Poiché ogni persona ha una differente desinenza del verbo, possiamo però sottintendere il pronome ( io, tu, lui, lei, noi, voi, loro): nota però che nel verbo ESSERE le persone io e loro sono uguali (io sono – loro sono).
 È molto importante non dimenticare mai  il segno dell’accento sulla terza persona singolare È, per non creare confusione con E congiunzione.    
                                                                                                                                                 
Queste sono tutte le persone del presente:
IO SONO
TU SEI
LUI È - LEI È     
NOI SIAMO              
VOI SIETE          
LORO SONO

VERBO AVERE (pagina 16)

Anche nel verbo AVERE (come in tutti i verbi italiani) ogni persona ha una differente desinenza quindi possiamo sottintendere il pronome (io, tu, lui, lei, noi, voi, loro).

Notate la presenza della lettere H davanti alle persone singolari e a loro: il suono della lettera H è muto , ma è molto importante scrivere questa lettera per non creare confusione con O, AI, A, ANNO, che hanno altri significati (congiunzione, preposizioni e sostantivo).
Queste sono tutte le persone del presente: 

IO HO
TU HAI
LUI HA - LEI HA       
NOI ABBIAMO           
VOI AVETE  
LORO HANNO

GLI AGGETTIVI (pagina 18)

In italiano i nomi e gli aggettivi terminano quasi sempre con una vocale.

Di solito i nomi e gli aggettivi maschili terminano in  - O al singolare che diventa  - I al plurale:
ragazzo italiano - ragazzi italiani                           libro nuovo - libri nuovi

Di solito i nomi e gli aggettivi femminili terminano in  - A al singolare che diventa  - E al plurale:
ragazza italiana - ragazze italiane                         penna nuova - penne  nuove

Ci sono però anche nomi e aggettivi che terminano in – E al singolare che diventa  – I al plurale e queste parole possono essere maschili o femminili ( vedremo in seguito che in italiano si usa l’articolo che è utile per determinare il genere del sostantivo):

MASCHILE 
studente inglese  - studenti inglesi                            
giornale nuovo giornali  nuovi
 FEMMINILE   
lezione interessante  - lezioni interessanti             
chiave nuova - chiavi nuove

Nessun commento:

Posta un commento