sabato 27 ottobre 2012

No potho reposare - Andrea Parodi



Sei anni fa moriva Andrea Parodi, diventato famoso per il grande pubblico come cantante dei Tazenda, gruppo musicale sardo che ha partecipato più volte anche al Festival di Sanremo, e con lui spariva una delle più belle e particolari voci italiane.
Questa è una canzone tradizionale sarda, con il testo originale (e quindi un po' difficile da comprendere): è lo struggente saluto di questo bravissimo cantante che nemmeno un mese dopo ci ha lasciato.

Provate a capire il testo e a tradurlo in italiano (livello C2): No potho reposare 


Non potho riposare amore 'e coro,

pensende a tie so d'onzi momentu.

No istes in tristura prenda 'e oro,

ne in dispiaghere o pensamentu. 


T'assicuro che a tie solu bramo,

ca t'amo forte t'amo, t'amo e t'amo.
 

Si m'esser possibile d'anghelu

s'ispiritu invisibile piccabo.
 

T'assicuro che a tie solu bramo,

ca t'amo forte t'amo, t'amo e t'amo.
 

Sas formas

e furabo dae chelu su sole e sos isteddos

e formabo unu mundu bellissimu pro tene,

pro poder dispensare cada bene.

Unu mundu bellissimu pro tene,

pro poder dispensare cada bene.
 

Non potho reposare amore 'e coro,

pensende a tie so d'onzi momentu.

T'assicuro che a tie solu bramo,

ca t'amo forte t'amo, t'amo e t'amo.
 

T'assicuro che a tie solu bramo,

ca t'amo forte  t'amo, t'amo e t'amo



1 commento:


  1. « Spero che nel tempo anche le istituzioni sappiano essere all'altezza del grande bagaglio di cultura sarda che Andrea ha sapientemente divulgato in giro per il mondo »

    (Piero Pelù)

    RispondiElimina