lunedì 19 marzo 2012

Amarcord: Una classe modello


Ecco un altro brano tratto da Amarcord  (1973), il film di Federico Fellini in cui il regista ricorda la sua adolescenza a Rimini. 
In queste scene assistiamo agli episodi più comici della vita a scuola.

La notorietà di questo film è tale che lo stesso titolo "Amarcord" (derivante dall'espressione in dialetto romagnolo "a m'arcord", ossia "io mi ricordo") è diventato un neologismo della lingua italiana, con il significato di "rievocazione in chiave nostalgica”.

La vicenda è ambientata dall'inizio della primavera del  1932  all'inizio della primavera del 1933 (riferimento certo visto la corsa della VII edizione della Mille Miglia), in una Rimini onirica ricostruita a Cinecittà, come la ricordava Fellini in sogno.   
Narra la vita nell'antico borgo (e' borg, cioè il quartiere di San Giuliano), presentando una galleria di “particolari” personaggi: i signori nobili di città e i poveri muratori, il suonatore cieco, la donna procace ma un po' attempata alla ricerca di un marito, il venditore ambulante, il matto, l'avvocato, la tabaccaia dalle forme giunoniche, i professori di liceo, i fascisti e gli antifascisti, ma soprattutto i giovani del paese, gli amici di gioventù dello stesso regista.

Tra questi è messa in particolare risalto la figura di Titta Biondi (pseudonimo per Luigi "Titta" Benzi, amico d'infanzia di Fellini) e di tutta la sua famiglia: il padre, la madre, il nonno, il fratello e gli zii, di cui uno matto, chiuso in un manicomio. Attraverso tante vicende della sua adolescenza, il giovane inizierà un percorso che lo porterà, pian piano, alla maturità.

Nessun commento:

Posta un commento